allenamento, benessere, fitness, palestra

Allenamenti brevi

Gli allenamenti ad alta intensità funzionano davvero? Questi allenamenti sono un ottimo modo per minimizzare il tempo, sfruttare anche la sola mezz’ora che abbiamo a disposizione a praticare dell’esercizio fisico.
Pro:
  1. Una delle scuse che si usano per giustificarsi per un allenamento saltato è la mancanza di tempo, anche se credo che, per qualcosa che vuoi, il tempo si trova!! Anche se so che, se sei molto impegnata con lavoro, casa, studi o con figli, trovare il tempo per allenarsi non è cosa da poco.Gli allenamenti brevi possono starci anche in una giornata piena di impegni e possono essere fatti DOVE VUOI!
  2. La cosa migliore riguardo all’allenamento intenso è che stimola il consumo extra di ossigeno nella fase post-allenamento: nelle ore successive all’allenamento, la tua frequenza cardiaca e di respirazione rimangono leggermente più elevate al fine di portare più ossigeno ai muscoli, questo facilita la riparazione muscolare. Durante questo processo, il grasso è la principale fonte di energia e il tuo corpo può continuare a bruciarlo per diverse ore dopo l’allenamento.
    Quindi anche se gli esercizi sembrano molto più intensi, tutto l’impegno che ci metti, verrà ripagato anche nelle ore successive! 🙂
Contro:
  1. Da un lato gli allenamenti più brevi facilitano un’attività fisica più regolare, ma dall’altro il rischio di sovrallenarsi è molto più alto, specialmente se ci si  allena ogni giorno. (NON POSSIAMO ESSERE DELLE SUPEREROINE). I nostri corpi saranno sottoposti ad uno stress eccessivo.E’ MOLTO importante dare al nostro corpo il tempo per riposare e recuperare; altrimenti esagereremmo, impedendoci di raggiungere gli obiettivi a lungo termine.Potremmo organizzare così la settimana: allenamenti ad alta intensità il lunedì-mercoledì-venerdì. Martedì-giovedì-sabato: come correre, camminare o bicicletta).ALMENO 1 GIORNO DI RIPOSO!!!!!
  2. Se questi allenamenti sono per voi una novità, è probabile che i tuoi muscoli non siano ancora abituati a questo tipo di allenamento. Perciò consiglio di praticare del cardio prima d’iniziare. Inizia lentamente e aumenta gradualmente l’intensità e assicurati di eseguire gli esercizi seguendo con attenzione le indicazioni fornite.
La cosa più importante è trovare una routine che funzioni per TE! Gli allenamenti brevi  rientrano perfettamente nel mio stile di vita.
Sara
benessere, cucina, fitness, palestra, salute

3 MITI DA SFATARE SULL’ATTIVITA’ FISICA

quando si tratta di attivitù fisica gli obiettivi sono chiari: perder peso, incrementare il tono muscolare, migliorare il proprio aspetto. Meno chiaro invece è come poter raggiungere questi obiettivi. Spesso prevale un approccio fai-da-te in cui chiunque si improvvisa treiner di se stesso a dicerie, col rischio di non riuscire ad ottenere i risultati attesi o di produrre addirittura l’effetto contrario. L’attività fisica invece richiede metodo e conoscenze tecniche specifiche, solo così si possono trarr ei frutti di un programma d’allenamento mirato per le proprie esigenze. Innanzitutto è necessario sgomberare la mente da quelle false certezze su cosa sia giusto o sbagliato fare in termini di attività fisica. Vediamo insieme:

  1. PER DIMAGRIRE Eì SEMPRE MEGLIO CORRERE ANZICHE’ CAMMINARE:

troppo spesso si sottovalutano gli effetti della camminata veloce, camminare a ritmo sostenuto è un’attività che rigenera a 360°; respirare e muovere tutto il corpo con la camminata veloce è essenziale per il benessere del corpo e della mente, perchè l’organismo produce una quantità di endorfine fino a 5 volte superiore che a riposo…chiamate “ORMONI DELLA FELICITA'”, permettono di sviluppare i pensieri positivi e prevengono la depressione. Da qui ha origine la sensazione di serenità che si percepisce durante e dopo l’attività fisica. Grazie alla pratica costante della camminata si mantiene allenato i muscolo cardiaco e si prevengono i problemi cardiovascolari. Cosa altrettanto importante è che la cammnata, essendo un’attività fisica moderata e priva di traumi da impatto al suolo come la corsa, è adatta a tutti. Ache la camminata veloce, per essere efficace, dev’essere eseguita in modo corretto: si deve essere sempr ein grado di tenere una conversazione e di respirare in modo profonfo e regolare mentre la si fa. Se la frequenza cardiaca è troppo alta mancherà il fiato; associando una corretta respirazione alla giusta dose di sforzo, si potrà godere di tutti i benefici.

CONSIGLIO: Camminare almeno 30 minuti 3/5 volte la settimana ad una frequenza cardiaca compresa tra i 60/75% della Frequanza Cardiaca Massima.

corsa-3.jpg

2. PER PERDER PESO BASTA CORRERE, NON SERVE FARE PESI

correre, nuotare, andare in bicicletta…quando si decide di dimagrire queste sono le attività a cui si pensa; si tralasciano invece gl iesercizi fisici mirati al potenziamento dei muscoli. Eppure uno dei fattori più importanti nel dimagrimento non è tantro il consumo dei grassi durante l’esercizio, ma l’aumento del metabolismo basale dopo l’esercizio stesso. Il metabolismo basale rappresenta la misura della quantità di energia necessaria all’organismo per mantenere le proprie funzioi vitali, come la circolazione e la respirazione. Un metabolismo “attivo” facilita la gestione del peso corporeo, ma per arrivare a tale risultato occorre la massa muscolare. Un programma motorio finalizzato all’aumento della massa muscolare prevede una sequenza di esercizi che sovraccarichi i muscoli o con i pesi o con altra forma di carico. L’efficacia di un programma di lavoro con i pesi è legata all’intensità e frequenza degli allenamenti, che dev’essere alemno di 3 volte settimana. Il metodo ideale per perder peso prevede di lavorare su vari esercizi con sovraccarichi alternati a esercizi aerobici da ripetere senza interruzione. L’annemanto aerobico abbinato a quello con sovraccarichi produce notevoli vantaggi.

3.    PER AVERE LA PANCIA PIATTA BISOGNA FARE TANTI ADDOMINALI IN POCO TEMPO

Solitamente ci si impone di eseguire addomali nella parte bassa, per esempio sollevando le gambe stando supini, niente di più sbagliato!! Bisogna lavorare su tutti i muscoli dell’addome e sono più utili esercizi in cui si sollevano busto o bacino e non le gambe. Inoltre un esercizio molto comune è di eseguire tante ripetizioni a bassa intensità. CONSIGLIO: esercizio ad alta intensità, riducendo le ripetizioni, per ottenere ipertrofia del muscolo retto dell’addome e la sinergia tra alimentazione e allenamento per ottenere la riduzione al minimo del grasso corporeo.

Addominali-scolpiti-dieta

Sara

benessere, cibo, cucina, fitness, salute

COME MANTENERE I BUONI PROPOSITI PER IL NUOVO ANNO

1. porsi obiettivi a breve termine

E’ più difficile veder realizzare i nostri obiettivi se questi sono a lungo termine, perché potremmo perdere la concentrazione. La cosa migliore è quella d’impostare degli intervalli più brevi, così che si possa poi raggiungere quello a lungo termine.Definendo gli obiettivi a breve termine si ha la pressione del tempo, che può motivare di più, aiuta a rimanere organizzati e ci rende possibile il tutto.

2. appuntarsi tutto

Avere i vostri obiettivi scritti vi aiuterà a tenerli impressi anche nella vostra mente. Io per esempio mi son stampata gli esercizi da fare, con le figure per ogni singolo esercizio, per svolgerli nella maniera corretta, come fonte di ispirazione e motivazione. Raccontare agli amici i propri obiettivi può aiutare, perché vi terrà responsabili di farli sembrare reali.

3. continuare a valutare i propositi

Uno dei maggiori motivi per i quali le persone smettono di rinunciare ai loro obiettivi è perché si rendono conto che non sta funzionando. La risoluzione è quella di migliorare se stessi e la vostra vita. Se qualcosa non funziona per voi, potrebbe essere il momento di modificare la risoluzione e capire perché non si riesce raggiungerla. Per esempio, se si sta cercando di mangiare più sano, ma spesso fate delle abbuffate di cibo, questo avviene perché ci si sta privando del cibo, cercate perciò di non rinunciare troppo ai vostri cibi preferiti, in modo da non diventare infelice e poi sabotare i vostri progressi.

L’equilibrio è la chiave per aver successo.

Sara