allenamento, cibo, fitness

DIETE FAMOSE SOTTO LA LENTE

Lanciano mode, trovano testimonial famosi che contribuiscono a renderle popolari o fanno colossali investimenti pubblicitari e siccome danno risultati in tempi rapidi, anche il passaparola fa la sua parte nel decretare il successo. Purtroppo però queste diete sembrano studiate per far arricchire chi le crea, non per il bene del destinatario.

DIETA DUKAN:
Alla base c’è la dieta ipocalorica che il medico Dukan ha rimaneggiato, come se fosse una novità assoluta quando già negli anni ’70 era già un classico. La dieta è divisa in 4 fasi: Attacco (solo proteine), Crociera (proteine+verdure), Consolidamento (con carboidrati), Stabilizzazione (aggiunta di 3 cucchiai di crusca al giorno).
Punti forti:  nessuno.
Punti deboli: poche fibre, troppi grassi di origine animale, l’apporto dei nutrienti è sbilanciato. Se protratta a lungo può far male alla salute.

PALEODIETA:
Il principio è quello di tornare a mangiare come gli uomini delle caverne, prima della scoperta dell’agricoltura; prevede il consumo di carni magre e pesce (NO spada e tonno), frutti di mare, frutta secca/fresca e verdura. Niente cereali, zuccheri raffinati, patate, legumi, latticini, alcool e caffeina.
Punti forti:  nessuno.
Punti deboli: gli apporti di carboidrati e proteine sono sbilanciati ed è molto facile superare il livello massimo di assunzione giornaliera di colesterolo; inoltre consumerà più di 500g di carne rossa alla settimana aumenta l’incidenza del cancro al colon-retto.

DIETA ATKINS:
Prevede 4 fasi: approccio, perdita di peso, premantenimento e mantenimento definitivo. Il principio base è la chetogenesi, il meccanismo che permette di ricavare energia da proteine e grassi, in carenza di carboidrati.
Punti forti:  nessuno.
Punti deboli: prevedere un pessimo equilibrio tra i nutrienti e non aiuta ad imparare lo stile alimentare equilibrato dà seguire per la vita. Visto che da risultati rapidi incoraggia a non abbandonarlo, ma non è sostenibile a lungo termine e c’è il rischio di riprendere tutti i kg persi.

TISANOREICA:
E’ ipocalorica, iperproteica e quindi chetogenica. Si basa anch’essa sul quasi esclusivo utilizzo di proteine…in assenza di carboidrati l’organismo trae energia dai grassi; per questo motivo diete di questo genere fanno perdere peso inizialmente. Consiste in 3 fasi: intensiva (priva di carboidrati, compresi gli zuccheri della frutta), di stabilizzazione e mantenimento.
Punti forti:  nessuno.
Punti deboli: oltre al totale sbilanciamento dei nutrienti, c’è il fatto che 5 pasti della giornata sono prodotti dal marchio “Tisanoreica”. Dieta complicata e costosa!!!

ZONA:
L’obiettivo è mangiare in modo che l’insulina resti costante nel sangue; usa un metodo a blocchi in base al quale ogni pasto è così ripartito: 40% carboidrati – 30% grassi e 30% proteine. Non bisogna stare più di 5 ore a digiuno. Ci sono tabelle che classificano gli alimenti in scelte: ottime, accettabili o sfavorevoli e alte che riportano le quantità di alimento con l’equivalenza in blocchi.
Punti forti:  nessuno.
Punti deboli: è difficile da seguire, per semplificarla esistono prodotti a marcio “Zona” che la rendono costosa. L’equilibrio tra i nutrienti è sbilanciato a favore delle proteine e a discapito di carboidrati e fibre.

PESOFORMA:
prevede la sostituzione di uno dei pasti principali con un pasto sostitutivo a marchio “Pesoforma” (barrette, panini, dessert). Si crea una dieta con alimenti selezionati  da una lista di quelli presenti e concessi sul sito, purchè l’apporto calorico giornaliero rimanga tra 1000-1200 kcal.
Punti forti:  promuove il consumo di frutta e verdura.
Punti deboli: è prevede l’assunzione di prodotti del loro marchio, che contengono pure ingredienti di scarsa qualità (prosciutto e formaggio in polvere). Non insegna i principi nutrizionali di una corretta alimentazione.

INDICE GLICEMICO:
L’indice glicemico misura la capacità di un alimento contenente carboidrati di alzare i livelli di glucosio nel sangue. Al glucosio puro è stato assunto il valore 100. Gli IG vengono classificati in 3 categorie: bassi (IG inferiore a 35), medi (IG tra 35 e 50) e alti (IG superiore a 50). La dieta punta sull’assunzione di cibi con indice glicemico medio-baso per perdere i kg.
Punti forti:  promuove il consumo di alimenti integrali. Il consumo di cibi a basso indice glicemico sembra abbia un ruole di prevenzione di alcune patologie.
Punti deboli: non esiste una lista di indici glicemici degli alimenti validata scientificamente e l’IG può essere influenzato da molti fattori (la cottura, tipo di lavorazione, presenza di altri nutrienti…).

GRUPPO SANGUINEO:
si basa sull’eliminazione di gruppi di alimenti esclusivamente in base al proprio gruppo sanguineo.
Punti forti:  nessuno.
Punti deboli: Si basa su teorie prive di fondamento scientifico; esclude interi gruppi di alimento, rischiando così carenze nutrizionali. In particolare chi è del gruppo 0 potrebbe essere soggetto a rischi maggiori, in quanto si incoraggia l’assunzione di carne rossa.

 

date un’occhiata al mio INSTAGRAM per vedere come affronto io la dieta..

 

allenamento, benessere, cibo, colazione, fitness, NATURALI

Come affrontare la giornata dopo aver dormito poche ore

Quando ci alziamo con la sensazione di aver dormito male, iniziamo la giovnata nel peggiore dei modi! Se ti sei rigirata tutta la notte perché qualche pensiero non smettiva di trapanarti la testa, il giorno dopo ne risentirai. Il sonno è quel momento in cui il tuo corpo si riprende, mentre il cervello lavora per immagazzinare i ricordi ed elaborare i pensieri, quindi è normale sentirsi un po’ fiacchi se il riposo non è stato sufficiente.

Cosa fare quando questo succede?

Bevi dell’acqua 

Una notte insonne può portare alla disidratazione, il tuo corpo usa alcune delle sue riserve d’acqua durante il sonno, ma se passi il tempo a rigirarti nel letto, potresti consumare più acqua del solito. Anche una leggera forma di disidratazione può farti sentire più stanca, causare mal di testa. Quando il livello di fluidi corporei si abbassa, il cuore deve lavorare di più per trasportare le sostanze nutritive e l’ossigeno nel corpo. Bere dell’acqua può aiutare.

bottiglia-di-plastica-di-acqua-minerale-isolata-su-bianco-19298023

Fai colazione

Mangiare una colazione sana non solo può aiutarti a svegliarti ma ti fornisce anche le sostanze nutritive per far partire il corpo. Un mix di carboidrati, proteine e grassi sani possono aiutare a migliorare la memoria e la concentrazione. Le uova sul pane tostato con dell’avocado possono aiutarti a farti sentire sazia durante la mattina. Cerca di bere il caffè a metà mattinata, in modo che segnali naturali di sveglia del tuo corpo sono già stati inviati.

toast-avocado-e1412181392377

Cammina un po’

Se normalmente passi la giornata alla scrivania, allora dovresti fare delle pause per muoverti! Stare sempre seduti puù essere dannoso per il fisico…. dello stretching o una camminata in ufficio possono aiutarti con la circolazione sanguigna e farti sentire più ristorata. Il primo pomeriggio è solitamente il momento di picco della stanchezza, prova quindi a muoverti un po’ dopo il pranzo.

Prendi un po’ di sole

L’esposizione alla luce naturale può rallentare la produzione di melatonina, la quale invia al cervello il segnale che è ora di dormire; dei raggi di sole e dell’aria fresca possono aiutare quando si tratta di svegliarsi.

 

allenamento, benessere, dimagrire, fitness, salute

Devo usare i pesi per aumentare la massa muscolare?

Troppe donne credono che, sollevare pesi, porti a diventare delle super muscolose…SBAGLIATO! Vediamo invece che vantaggi porta avere un pò di muscolo:
 
Aumentare la massa muscolare richiede del lavoro..la dieta e l’allenamento medio non darà mai il risultato di diventare SUPER muscolose. I body builder trascorrono ore e ore in palestra a sollevare pesi e seguono una dieta molto rigida, che li aiuta con la crescita della massa muscolare.

 

Visto che le donne hanno dei livelli di testosterone più bassi rispetto agli uomini, aumentare di molto la massa muscolare richiede una dieta specifica e tanto allenamento con carichi pesanti. Questa significa che è improbabile che accidentalmente una persona diventi più muscolosa.

 

Allenamento a corpo libero
Tutte noi vogliamo tonificare e per far ciò dobbiamo aumentare la massa muscolare!

Un punto di partenza per aiutarti ad aumentare la forza fisica è un allenamento a corpo libero, il peso del corpo sarà sufficiente, possono essere fatti ovunque!! Le flessioni, gli squat, i plank addominali e gli affondi.

Macchine e pesi liberi
Le macchine che trovi nelle palestre possono aiutare con la massa muscolare, ma attenzione a come le utilizzate, perchè anche un movimento scorretto potrebbe provocare un effetto diverso da quello che desiderate!!!! Perciò siate ESIGENTI con gli istruttori, chiamateli e chiedete loro se il movimento è corretto.
Nonostante queste macchine siano ottime per alcuni esercizi, i pesi liberi permettono più ampiezza nel movimento; in quanto queste macchine non sono state progettate per diverse tipologie di corpo.
Sollevare i pesi è l’alternativa migliore?
Sollevare pesi leggeri e fare più ripetizioni è buono per iniziare, ti darà il tempo di lavorare sulla tecnica più adatta per sollevare i pesi, importante è la tecnica; quando avrai la tecnica corretta e noterai che la routine sta diventando più facile, allora aumenta gradualmente il peso che sollevi.
Sollevare i pesi per un numero prestabilito di ripetizioni non ti farà diventare muscolosa all’improvviso, anche se i pesi sono pesanti. Anzi sollevare carichi pesanti richiede più sforzo da parte del corpo il quale può attivare una serie di cambiamenti positivi: un miglioramento della regolazione dell’attività ormonale, una riduzione della pressione sanguigna e il mantenimento della massa ossea. Con dei pesi più leggeri, il tuo corpo non viene necessariamente sottoposto allo stesso tipo stress (quello buono) che scatena questo tipo di cambiamenti fisici.

 

allenamento, benessere, dimagrire, fitness

Un diario può aiutare a restare motivata

Se avete iniziato una sfida di allenamento, senza un piano vero e proprio su come raggiungere gli obiettivi, senza un piano è facile sentirsi frustrate e rinunciare ai propri obiettivi. Avere un piano può aiutare a stendere la strada e ad affrontare ogni esercizio con uno scopo.

Annotando gli allenamenti che state facendo, i pasti che mangiate, monitorare i progressi sarebbe l’ideale!! Tutto questo potrebbe essere fonte di motivazione, facendovi rimanere focalizzate sui vostri obiettivi; monitorare gli allenamenti precedenti è un ottimo modo per vedere quanto avete fatto e motiva a continuare a dare il massimo.

Prendere nota anche dei cambiamenti positivi che state vedendo lungo questo percorso può essere molto motivante.
Leggendo poi tutti questi risultati avrete maggiore soddisfazione, vedeno scritto i miglioramenti.

 

Scrivete:
  • gli allenamenti
  • i progressi  ;
  • Programmare i giorni di riposo;
  • Prendere nota dei cambiamenti d’umore;
  • Monitorare cosa mangiate;
  • Trascrivere quello che notate (dolore o fastidio durante gli esercizi);
  • Pianificare gli allenamenti
  • Suddividere l’obiettivo finale.

 

Scattatae anche delle foto dei progressi, che mostrano i cambiamenti nel tuo corpo che non si notano sulla bilancia, anzi la bilancia potrebbe ingannarvi (perchè non vi siete pesate alla stessa ora, perchè il muscolo pesa più del grasso, perchè siete in “quel periodo del mese”, perchè non vi siete scaricate).

 

Molte persone abbandonano l’allenamento perché pensano che non stanno facendo dei progressi. Prendere nota di tutto può aiutarvi a restare concentrate  e focalizzate!!!!
FORZAAAAAAAAAAAAAAAA
allenamento, benessere, dimagrire, domire, fitness

Consigli per il recupero post allenamento

Il periodo che segue un allenamento “recupero” è importante perché aiuta il corpo a riprendersi dopo aver fatto dell’attività fisica; questo non serve solo a far sparire l’indolenzimento muscolare! Dopo un allenamento, il corpo attraversa cambiamenti chimici e ormonali e il recupero non aiuta solo il corpo a riprendersi ma anche a migliorare le prestazioni. Senza un recupero adeguato ti servirà più tempo prima di raggiungere i tuoi obiettivi.

RISCALDAMENTO E RAFFREDDAMENTO:
Il riscaldamento aiuta a pompare il sangue ai muscoli e alle articolazioni, riducendo il rischio di infortuni. Lo stretching prima di allenarsi aiuta a migliorare la flessibilità, ad aumentare la frequenza cardiaca e a favorire la circolazione sanguigna.
IDRATATI:
L’acqua alimenta il corpo aiutando ogni parte a funzionare correttamente; infatti mentre fai attività fisica, puoi perdere liquidi attraverso il sudore. La disidratazione può avere un impatto sul corpo, durante e dopo aver finito l’allenamento.Per rimanere idratata, bevi molta acqua durante la giornata e prima, durante e dopo l’esercizio fisico. Bere solo acqua è la scelta migliore visto che le bibite contengono molti zuccheri, più di quanto tu possa immaginare!!!

DORMI:

La mancanza di sonno può causare brutti effetti, quando dormiamo il nostro corpo non si ferma e ripara anche quelle piccole lesioni muscolari causate da un allenamento intenso.
NUTRI IL CORPO CON BUON CIBO:
Senza il giusto nutrimento il corpo potrebbe non avere le risorse per riprendersi dopo un allenamento. Se hai una dieta equilibrata e sana, darai al corpo l apossibilità di sviluppare forza e superare gli sforzi. Mangiare delle proteine e carboidrati dopo un allenamento può fornire le sostanze nutritive di cui i muscoli hanno bisogno recuperare.
Dare al corpo il tempo per recuperare è fondamentale per dargli la possibilità di adattarsi ai cambiamenti e svilupparsi. Senza un recupero adeguato, potresti non fare dei progressi con l’allenamento. I benefici del recupero non sono soltanto fisici e può aiutarti a migliorare le tue prestazioni e ridurre la rigidità muscolare.
allenamento, benessere, dimagrire, fitness, palestra, workout

LE SCUSE PER NON ALLENARSI

Sono molteplici le scuse che troppo spesso usiamo per non allenarci, vediamole insieme:

1. Sono stanca
Vi sembrerà strano ma una volta che avrete terminato la vostra sessione di allenamento sarete più cariche, l’endorfina che si genererà nel vostro corpo vi sorprenderà. Perfetto l’allenamento al mattino, vi dà la carica per affrontare la giornata!!
2. C’è brutto tempo
Se dovessimo basarci sulle condizioni metereologiche non faremmo più niente, d’estate fa troppo caldo e d’inverno troppo freddo, capisco il mese dell’anno in cui ci sono 0°C con una giornata pure uggiosa, ma per il resto non ci sono scuse!
Qualora non voleste proprio uscire di casa non temete, potete allenarvi anche in casa vostra: stendete il tappetino e fate esercizi a corpo libero. Usate dei pesi piccoli o qualcosa che hai in casa (sedie, bottiglie dell’acqua).
3. È troppo difficile
È il lavoro duro che porterà a dei risultati. Potete continuare a trovare delle scuse per non impegnarti sul serio o puoi stringere i denti e dare il massimo. Se hai un obiettivo in mente, concentrati su quello e non su quanto un allenamento sia difficile. Un impegno continuo può renderti forte, sicura di te e affrontare tutto con un atteggiamento più positivo.


4. Ho dimenticato le scarpe
Come sconfiggere il problema delle dimenticanze? Con l’organizzazione! Preparate il vostro borsone da palestra la sera prima e controllate di aver preso tutto quello che vi serve. Quando vi abituerete a mettere in borsa sempre le stesse cose, le probabilità di dimenticare qualcosa saranno poche!!
5. Non ho tempo
I circuiti vi occuperanno solo mezzora. Anche le manager più impegnate trovano il tempo per la loro salute, perchè voi non dovreste riuscire a farlo?? Se qualcosa è davvero importante per voi, il tempo per farlo lo troverete!
6. Non mi sento motivata
La motivazione ci lascia nel momento peggiore: iniziamo saltando un allenamento e poi non si riesce più a farne un altro, diventanto poi un’abitudine.
Cercate di porvi piccoli obiettivi e di raggiungerli, vedrete che la soddisfazione vi aiuterà ad affrontare il resto!
7. La palestra è cara
Una delle scuse più banali è quella che non avete soldi per la palestra! Ogni spazio va bene per allenarsi. A mio parere, per esempio, gli esercizi a corpo libero sono i più efficaci, perciò solo utilizzando il vostro corpo vi allenete e questo lo potete fare in camera vostra, in salotto, nel parco comunale ecc…
8. È quel “periodo del mese”
In quei giorni l’unica cosa che desideriamo fare è straiarci sul divano di casa, al caldo e riposare. Però sappiate che fare dell’attività fisica può aiutare ad attivare la circolazione e la digestione, alleviando così i crampi e i gonfiori. Fate attenzione a NON fare gli addominali, perchè vi è in atto un’emoraggia proprio in quella zona!!!
Sara
allenamento, fitness, palestra, salute, workout

GLI ATTREZZI IMMANCABILI

Da un anno a questa parte non ho più rinnovato il mio abbonamento in palestra, questo perchè ho capito che gli esercizi che facevano al caso mio non richiedevano poi così tanti attrezzi e avrei potuto allenarmi liberamente a casa mia o all’aria aperta.
Ecco dei semplici attrezi che dovreste aver a vostra disposizione sempre:
Pesetti
possono essere utilizzati per qualsiasi esercizio, non occupano troppo spazio e ti aiutano ad intensificare il carico degli allenamenti. Non sono nemmeno costosi, per non aggravare la spesa acquistane un paio alla volta, ne saranno sufficienti 4.
Panca
sicuramente questa più costosa degli altri attrezzi ma, a mio parere, ne vale la pena. Molte di noi che si allenano a casa sostituiscono le panche con sedie, tavolini; ma essendo la panca uno strumento utile per molti esercizi la puoi usare sia per gli esercizi per le braccia e sia per gli addominali.
Corda
Se non hai un tapis roulant e non vuoi uscire a correre per allenarsi, la soluzione è usare una corda per saltare, ti permette di mantenere una frequenza cardiaca sostenuta, occupa pochissimo spazio e la puoi fare davanti alla tv mentre guardi il tuo programma preferito. Io per esempio mi metto davanti alla tv con un programma musicale ad alto volume e mi diverto pure :)!! Cercate di fare 100 salti, pausa e poi ancora…diventerà una sfida riuscire a farli.
Tappetino
ha un costo banale, ma è essenziale per potervici sdraiare ed eseguire gli addominali.